Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 18 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Gliptine, glitazoni ed esiti cardiovascolari
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Uno studio osservazionale inglese suggerisce che, nei diabetici tipo 2, l'uso delle gliptine e dei glitazoni è associato ad una riduzione della mortalità totale, dello scompenso cardiaco e delle complicanze cardiovascolari.


Esiste ancora discussione circa la sicurezza a lungo termine dei nuovi farmaci antidiabetici, anche se studi recenti hanno prodotto risultati tranquillizzanti [1,2,3,4,5,6].

Uno studio osservazionale si è proposto di valutare complicanze cardiovascolari, scompenso cardiaco e mortalità totale associati all'uso dei glitazoni e degli inibitori della dipeptidyl peptidasi-4 noti anche come gliptine (saxagliptin, sitagliptin, linagliptin) sia quando sono usati da soli che quando sono usati in associazione con altri farmaci antidiabetici [7].

A questo scopo è stato analizzato il database inglese QResearch. In totale si tratta di 469.688 soggetti affetti da diabete tipo 2 di età compresa tra 25 e 84 anni (follow up dall'aprile 2007 al gennaio 2015).
Il 4,5% dei soggetti era stato trattato con glitazoni e il 6,9% con gliptine.

Si è visto che, rispetto al non uso dei glitazoni e delle gliptine, l'uso di questi farmaci (da soli o in associazione con metformina o con metformina e sulfonilurea) era associato alla riduzione di tutti e tre gli endopint esaminati (scompenso cardiaco, complicanze cardiovascolari e mortalità totale).

Gli autori concludono che questi risultati potrebbero avere implicazioni nella scelta dei farmaci antidibatetici, ma avvertono che ci sono alcuni limiti: lo studio, infatti, non ha potuto prendere in considerazione l'aderenza dei pazienti alla terapia prescritta; inoltre ci possono essere fattori confondenti come per esempio il cosiddetto indication bias.

Che dire?

Lo studio è interessante sotto vari punti di vista e suggerisce che l'uso di nuovi farmaci antidiabetici come glitazoni e gliptine è associato ad una riduzione di endpoint clinicamente rilevanti. Questo è vero non solo quando questi farmaci vengono usati da soli ma anche quando sono usati in duplice terapia (associati a metformina) oppure in triplice terapia (associati a metformina e sulfonilurea).

Tuttavia è noto che i risultati degli studi osservazionali vanno considerati con prudenza per la possibilità che fattori di confondimento possano aver prodotto delle distorsioni. 
Le conoscenze evolvono: studi futuri (soprattutto di tipo epidemiologico) e la farmacovigilanza potranno o meno confermare questi risultati.
Per il momento, tuttavia, si può dire che il medico può prescrivere questi farmaci con ragionevole tranquillità.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Palmer SC et al. Comparison of Clinical Outcomes and Adverse Events Associated With Glucose-Lowering Drugs in Patients With Type 2 Diabetes. A Meta-analysis.
JAMA. 2016 Jul 19;316:313-324. 

2. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6498

3. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6527

4. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5550

5. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6608[7url]

6. [url]http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6575

7. Hippisley-Cox J et al. Diabetes treatments and risk of heart failure, cardiovascular disease, and all cause mortality: cohort study in primary care.BMJ 2016;354:i3477

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.52 Secondi