Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 19 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
I diuretici tiazidici riducono il rischio di fratture
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Un'analisi secondaria dello studio ALLHAT evidenzia come l'uso del clortalidone sia associato ad una riduzione del rischio di frattura di anca e pelvi.


Una metanalisi di studi osservazionali concludeva che l'uso dei diuretici tiazidici sembra associato ad una riduzione del rischio di fratture dell'anca. Tuttavia la stessa metanalisi evidenziava che per confermare questi dati sarebbero necessari studi clinici controllati e randomizzati [1].

Partendo da questa osservazione alcuni autori hanno effettuato un'analisi secondaria dello studio ALLHAT (Antihypertensive and Lipid-Lowering Treatment to Prevent Heart Attack Trial) [2].

In questo storico studio erano stati confrontati tre regimi antipertensivi di prima linea: clortalidone, amlodipina e lisinopril. Il trial era iniziato nel 1994 e il follow up era terminato nel 2002. Usando i dati del Veterans Affaire e di Medicare è stato effettuato anche un follow up post-trial durato fino al 2006.

Nel follow up effettuato durante lo studio si è evidenziato che l'uso di clortalidone era associato ad una riduzione significativa del 21% (p = 0,04) del rischio di frattura dell'anca e della pelvi rispetto al lisinopril e ad una riduzione non significativa del 18% (p = 0,17) rispetto ad amlodipina. 

Esaminando invece il follow up completo (sia quello durante lo studio che quello post-trial) si è visto che la riduzione del rischio di frattura persisteva (13%) ma risultava non significativa dal punto di vista statistico (p = 0,10).

Gli autori concludono che questi dati forniscono evidenze che i diuretici tiazidici hanno un effetto favorevole sulle fratture di anca e pelvi.

Si tratta senza dubbio di una buona notizia che conferma i risultati della metanalisi Cochrane: i diuretici tiazidici sono farmaci antipertensivi di largo impiego e dal costo molto contenuto per cui un effetto favorevole sul rischio fratturativo è il benvenuto. 

Tuttavia ci permettiamo di ricordare che lo studio ALLHAT originariamente era stato disegnato per valutare come endpoint primario l'incidenza di malattia coronarica e di altri eventi cardiovascolari [3] mentre i risultati sulle fratture derivano da un'analisi secondaria. 

Come abbiamo ripetuto più volte uno studio andrebbe giudicato principalmente per l'endpoint primario: i risultati derivanti da analisi secondarie, a posteriori o per sottogruppi, secondo vari esperti di metodologia statistica, potrebbero essere meno robusti e sarebbe auspicabile fossero confermati da RCT disegnati ad hoc.



Renato Rossi



Bibliografia

1. Aung K et al. Thiazide diuretics and the risk of hip fracture.Cochrane Database Syst Rev. 2011 Oct 5;(10):CD005185.

2. Puttnam R et al. for the Antihypertensive and Lipid-Lowering Treatment to Prevent Heart Attack Trial (ALLHAT) Collaborative Research Group. Association of 3 Different Antihypertensive Medications With Hip and Pelvic Fracture Risk in Older AdultsSecondary Analysis of a Randomized Clinical Trial.
JAMA Intern Med. Pubblicato online il 21 novembre 2016. 

3. ALLHAT Officers and Coordinators for the ALLHAT Collaborative Research Group. The Antihypertensive and Lipid-Lowering Treatment to Prevent Heart Attack Trial.
Major outcomes in high-risk hypertensive patients randomized to angiotensin-converting enzyme inhibitor or calcium channel blocker vs diuretic: The Antihypertensive and Lipid-Lowering Treatment to Prevent Heart Attack Trial (ALLHAT). JAMA. 2002 Dec 18;288:2981-97.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.49 Secondi