Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 22 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Efficacia cardiovascolare di ezetimibe
Pubblicato da dzamperini in data 13/10/2019 00:00
Medicina Clinica


 

 Una revisione sistematica e uno studio di prevenzione primaria giapponese ampliano le nostre conoscenze circa l'efficacia di ezetimibe sugli eventi cardiovascolari.


L'ezetimibe agisce inibendo l'assorbimento del colesterolo a livello del piccolo intestino.
Può essere usato nei pazienti intolleranti alle statine oppure in associazione a queste ulimme nei soggetti che non raggiungono il target desiderato di colesterolemia. 

Una revisione sistematica Cochrane [1] ha valutato l'efficacia del farmaco su endpoints cardiovascolari e su mortalità. La revisione ha preso in esame studi randomizzati e controllati della durata di almeno 12 mesi in cui ezetimibe veniva paragonato al placebo oppure in cui ezetimibe in associazione ad un altro farmaco ipocolesterolemizzante veniva paragonato ad un altro farmaco ipolipemizzante da solo. 

In totale sono stati considerati 27 RCT per 23499 soggetti arruolati. Lo studio principale era rappresentato dall'IMPROVE-IT [2].

La revisione Cochrane evidenzia (10 studi di qualità moderata) che l'ezetimibe associato ad una statina riduce gli eventi cardiovascolari maggiori rispetto alla sola statina (RR 0,94; 95%CI 0,90-0,98): risultano ridotti soprattutto l'infarto e l'ictus non fatali. 
L'effetto risulta piccolo o nullo su endpoint fatali come la mortalità totale e cardiovascolare. 

La qualità degli studi non ha permesso di determinare se ezetimibe aumenta il rischio di eventi avversi.

Gli autori concludono che gli effetti favorevoli di ezetimibe associato ad una statina sugli eventi cardiovascolari si hanno soprattutto nei soggetti con nota patologia cardiovascolare (in particolare sindrome coronarica acuta).
Le evidenze sono limitate per quanto riguarda il ruolo di ezetimibe da solo oppure in prevenzione primaria, aspetti per i quali sono necessari ulteriori studi.

Fin qui le conclusioni della revisione Cochrane.

E' opportuno però ricordare uno studio giapponese presentato all'American Heart Association Scientific Session 2018 il 10 nevembre 2018 e che, ovviamente, non ha potuto essere considerato dalla revisione Cochrane [3].

Si tratta dello studio EWTOPIA 75, di prevenzione primaria, che ha arruolato 3796 soggetti di età maggiore o uguale a 75 anni che avevano un LDL-colesterolo >/= 140 mg/dL e almeno un altro fattore di rischio cardiovascolare (diabete tipo 2, ipertensione, fumo, HDL-colesterolo basso, trigliceridi elevati, arteriopatia periferica o storia di infarto cerebrale). 
I partecipanti sono stati trattati per un periodo di 3-5 anni con ezetimibe 10 mg/die associato a consigli dietetici oppure con solo consigli dietetici. 
L'endpoint primario (morte cardiaca improvvisa, infarto miocardico, rivascolarizzazione coronarica e ictus) risultò ridotto nel gruppo ezetimibe del 44% (HR 0,56; 95%CI 0,50-0,86). Questi risultati si ebbero nononostante la riduzione del colesterolo LDL nel gruppo ezetimibe rispetto al gruppo controllo fosse di solo 18 mg/dL in media.
Gli eventi avversi non differirono tra i due gruppi (circa 10% in entrambi i bracci). 


Renato Rossi



Bibliografia

1. Zhan S et al. Ezetimibe for the prevention of cardiovascular disease and all-cause mortality. Cochrane Databese Syst rev. 19 novembre 2018.

2. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6355

3. American Heart Association Scientific Session 2018. Abastrac 17581. Arai H et al. Ezetimibe in Prevention of Cerebro- and Cardiovascular Events in Middle-to-High Risk Elderly (75 Years Old or Older) Patients With Elevated LDL-Cholesterolo: A Multicenter, Randomized, Controlled, Open-Label Trial.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.55 Secondi