Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 24 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Coronavirus: qualche riflessione sugli esami sierologici
Pubblicato da dzamperini in data 20/05/2020 00:00
Medicina Clinica



 Cosa dire al paziente che chiede di eseguire un esame sierologico per coronavirus? Alcuni spunti di riflessione.


In questi giorni si fa un gran parlare dei test rapidi sierologici per evidenziare la presenza di anticorpi IgG e IgM contro il SARS-CoV-2.

Prima di affrontare l'argomento può essere utile un breve richiamo di immunologia, per necessità molto sintetico e non esaustivo.

La risposta immunitaria, con cui l'organismo combatte le infezioni, è molto complessa. Possiamo dire, molto schematicamente, che essa si articola attraverso due vie.

La via cellulo-mediata prevede l'attivazione dei linfociti T che si possono differenziare a loro volta in vari sottogruppi, per esempio i linfociti natural killer o citotossici (riconoscono le cellule infettate e le uccidono facilitando così l'azione dei macrofagi), i linfociti T helper (hanno varie funzioni tra cui quella di produrre citochine che aiutano nella risposta immunitaria perchè regolano la produzione di linfociti T e B e dei fagociti), i linfociti suppressor (hanno azione di freno della risposta immunitaria quando l'antigene è inattivato), linfociti T memoria (utili quando l'organismo viene in contatto successivamente con lo stesso antigene).

La via umorale è costituita dai linfociti B che, una volta attivati dai linfociti T helper, producono anticorpi. 
Gli anticorpi si distinguono schematicamente in:

a) opsonine (in genere IgG): si legano all'antigene facilitando l'azione per esempio dei fagociti

b) anticorpi neutralizzanti (in genere IgG e IgA): si legano all'antigene neutralizzandolo, impedendo per esempio ai virus di entrare nelle cellule

c) anticorpi attivanti il complemento (di solito IgM e IgG): il complemento ha azioni varie per esempio favorisce la lisi di batteri e cellule infette e la loro fagocitosi, regola l'attivazione dei linfociti B, innesca il processo infiammatorio, etc.

Ricordiamo infine che le IgM indicano una infezione in atto o molto recente mentre le IgG indicano infezione pregressa.


Veniamo ora ai test sierologici per il coronavirus. Attualmente i test a disposizione permettono di rilevare la presenza di IgG e di IgM diretti contro porzioni del coronavirus, in genere le glicoproteine "spike" con cui il virus entra nelle cellule.

Purtroppo però i test attualmente disponibili identificano le IgG e le IgM che dimostrano solo che il soggetto è venuto in contatto con il virus, ma non ci dicono se tali anticorpi sono protettivi e quindi danno immunità.
In realtà si dovrebbe avere a disposizione un test che identifica gli anticorpi neutralizzanti che sono quelli che impediscono l'entrata del virus nelle cellule. Questo permetterebbe di affermare ragionevolmente che quel soggetto è immune.

Per chiarire il concetto si pensi all'HIV e all'HCV: anche in queste infezioni i pazienti presentano anticorpi ma questi non sono protettivi. In altre parole nell'epatite C e 
nell' AIDS la risposta immunitaria, pur presente, non permette al soggetto di guarire. E questo è probabilmente il motivo per cui, nonostante decenni di studi, non si è ancora preparato un vaccino per queste patologie.
Questo potrebbe spiegare anche l'osservazione, in Corea, di soggetti guariti dal coronavirus che si sono reinfettati. 

Un'altra riflessione va fatta: per giudicare della bontà di un test si dovrebbero conoscere tre parametri: sensibilità, specificità e prevalenza della malattia.
In questo caso non conosciamo nessuno di questi fattori [1].

Supponiamo per ipotesi che la prevalenza dei contagiati sia il 10% della popolazione italiana (come sostengono alcuni esperti) e che il test abbia una sensibilità ed una specificità buona ma non elevatissima (per esempio del 90%).
Su 1000 soggetti ci saranno 900 non contagiati e 100 contagiati. Se applichiamo il test ai contagiati i veri positivi saranno 90; invece nei 900 non contagiati i falsi positivi saranno 90. In pratica ci saranno 180 test positivi, ma solo nella metà dei casi il risultato è esatto, mentre il resto sono falsi positivi. 
Insomma, è come fare a "testa o croce".
A un risultato analogo si arriva se si ipotizza una prevalenza dell'1% e una sensibilità e specificità del 99%.

Vi è infine un altro punto critico: non è noto quanto una eventuale immunità possa durare.
Sulla durata dell'immunità nella SARS ci sono dati contrastanti: potrebbe essere di 18-24 mesi o di anni [2]. Per il SARS-CoV-2 non esistono studi, trattandosi di un virus che solo recentemente ha contagiato l'uomo.

Al paziente che chiede se vale la pena di effettuare il test sierologico rapido vanno quindi date queste informazioni: 

1) un test positivo non significa necessariamente che si tratti di un positivo vero (non sappiamo per ora se il test possieda una reattività crociata per anticorpi contro altri coronavirus con cui il soggetto potrebbe essere venuto in contatto)

2) anche in caso di positivo vero non sappiamo se gli anticorpi ritrovati siano protettivi 

3) non sappiamo quanto possa durare una eventuale immunità.

Queste considerazioni portano a concludere che gli attuali test sierologici per il coronavirus non sono idonei a fornire un "patentino di immunità", come si potrebbe erroneamente pensare. In futuro si vedrà.



Renato Rossi


Bibliografia

1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=7345

1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=7336

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.62 Secondi