Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 20 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Vaccino per COVID-19: primi risultati
Pubblicato da dzamperini in data 01/08/2020 00:00
Medicina Clinica


 

Risultati promettenti da tre candidati vaccini contro il SARS-CoV-2, uno europeo, uno cinese ed uno statunitense.


Si ritiene che l'arma per sconfiggere o almeno tenere sotto controllo il SARS-CoV-2 sia la messa a punto di un vaccino efficace.

Vengono ora pubblicati dal Lancet i risultati ottenti da due vaccini sperimentali in studi di fase 1 e 2.

Il primo studio riguarda un vaccino inglese [1] (alla cui realizzazione ha collaborato anche una ditta farmaceutica italiana) in cui sono stati reclutati circa 1077 soggetti (18-55 anni) senza storia di infezione da SARS-CoV-2. Il vaccino è costituito da adenovirus che trasporta la proteina spike del coronavirus.
I partecipanti sono stati trattati con questo vaccino oppure con un vaccino antimeningococcico coniugato (gruppo di controllo). Dopo una singola dose di vaccino la risposta anticorpale ha raggiunto il picco entro il 28° giorno ed è rimasta elevata fino al 56° giorno. In nove vaccinati su dieci si è avuta la produzione di anticorpi neutralizzanti. A dieci partecipanti al 28° giorno è stata somministrata una seconda dose che ha provocato una risposta immunitaria ancora maggiore.
Gli effetti collaterali locali e sistemici (febbre, mialgie, cefalea, malessere e brividi) sono stati più frequenti nel gruppo trattato che nel gruppo controllo, tuttavia è possibile ridurre questi effetti con l'uso profilattico del paracetamolo.

Il secondo studio di fase 2 è stato effettuato in Cina [2]. Il vaccino (a due dosaggi) oppure un placebo sono stati somministrati a 508 soggetti (età > 18 anni), dopo randomizzazione.
Una risposta anticorpale è iniziata al 14° giorno e praticamente tutti i partecipanti si erano sieroconvertiti al 28° giorno (percentuale di sieroconversione del 96-97%). Con entrambe le dosi vaccinali si sono sviluppati anticorpi neutralizzanti a titolo significativo.
Anche in questo caso gli effetti collaterali (febbre, cefalea, astenia) sono stati più frequenti nel gruppo trattato.

Da ricordare anche i risultati ottenuti in uno studio di fase 1 in cui sono stati reclutati 45 adulti trattati con tre dosaggi vaccinali [3]. Ai partecipanti sono state somministrate due dosi (la seconda dopo 28 giorni dalla prima).
La produzione di anticorpi leganti si è osservata a partire dal 15° giorno; dopo la seconda dose nei partecipanti si è osservata una concentrazione di anticorpi paragonabile al quartile superiore osservato nel plasma di soggetti guariti dalla COVID-19.


Come si vede si tratta di risultati molto promettenti, anche se rimane da accertare quanto i vaccini siano realmente protettivi contro il coronavirus e quanto l'immunità acquisita possa perdurare nel tempo.
Comunque questi risultati impongono ora che si prosegua con studi di fase 3 in cui saranno reclutati molti più soggetti è si potrà valutare meglio sia la risposta immunitaria che la sicurezza.
Bisogna ammettere che gli sforzi compiuti dalla comunità scientifica per mettere a punto e studiare un vaccino efficace contro il coronavirus sono notevoli. Basti pensare che di solito lo sviluppo di un vaccino richiede anni.



Renato Rossi



Bibliografia

1. Folegatti PM et al. Safety and immonogenecity the ChAdOx1 nCoV-19 vaccine against SARS-CoV-2: a prelimianry report of a phase 1/2. single-blind, randomised controlled trial.Lancet. Pubblicato online il 20 luglio 2020.

2. Zhu F-C et al. Immunogenicity and safety of a recombinant adenovirus type-5-vectored COVID-19 vaccine in healthy adults aged 18 years or older: a randomised, double-blind, placebo-controlled, phase 2 trial. Lancet. Pubblicato online il 20 luglio 2020.

1. Jackson LA et al. An mRNA Vaccine against SARS-CoV-2 - Preliminary report. N Engl J Med. Pubblicato online il 14 luglio 2020.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.56 Secondi