Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Vaccino anti -COVID-19: istruzioni secondo Atlanta
Pubblicato da dzamperini in data 03/02/2021 00:00
Medicina Clinica


I CDC di Atlanta hanno pubblicato una serie di raccomandazioni sull'uso del vaccino per la COVID-19.
Di seguito le raccomandazioni principali pubblicate dai CDC (Centers for Disease Control and Prevention) USA.


Raccomandazioni generali

I vaccini sono autorizzati per età >/= 16 anni (Pfizer-BioNtech) e >/= 18 anni per Moderna.
La seconda dose va somministrata dopo 3 settimane dalla prima dose (Pfizer-BioNtec) e dopo un mese (Moderna).
I due vaccini non sono tra loro intercambiabili.
Si consiglia di somministrare i vaccini anti-COVID-19 da soli, con un intervallo di 14 giorni prima o dopo rispetto ad altri vaccini (l' intervallo può essere più breve se si ritiene che i benefici della vaccinazione superino rischi per ora ignoti).
La vaccinazione può essere effettuata indipendentemente da una storia di precedente infezione da SARS-CoV-2. Nei soggetti con infezione in atto la vaccinazione deve essere ritardata dopo la guarigione (raccomandazione valida sia per persone che hanno sviluppato l'infezione prima della prima dose sia per quelle che l'hanno sviluppata dopo la prima dose ma prima di ricevere la seconda).
Nei soggetti che in precedenza sono stati trattati con plasma o anticorpi monoclonali è
consigliato ritardare la vaccinazione di tre mesi.
Nei soggetti con patologie sottostanti il vaccino può essere somministrato a meno che non vi sia una controindicazione (vedi in seguito).
Il vaccino può essere somministrato anche ai pazienti con immunocompromissione, previa informazione del paziente circa la non conoscenza sui possibili rischi e sull'efficacia e anche nei pazienti con malattie autoimmuni (pur in mancanza di dati).
Per le donne in gravidanza i dati disponibili sono pochi; è improbabile, tutttvia, che il vaccino sia pericoloso per la madre o il feto (ma i rischi, al momento sono sconosciuti).


Dopo la vaccinazione

Dopo la somministrazione del vaccino è consigliato un periodo di osservazione di 15 minuti, 30 minuti nei soggetti con storia di reazione allergica immediata a vaccini, a terapie iniettive o con storia di anafilassi.
In caso di comparsa di sintomi locali o sistemici dopo la somministrazione del vaccino si possono assumere paracetalolo o FANS.
I soggetti vaccinati devono continuare ad adottare le misure previste di protezione per se stessi e gli altri (mascherine, lavaggio frequente delle mani, evitare assembramenti, distanziamento fisico).
Dopo la vaccinazione si sviluppano IgM e IgG contro la proteina spike. Pertanto se si vuol determinare, con il test sierologico effettuato dopo la vaccinazione, se un soggetto era stato precedentemente esposto al virus bisogna dosare le IgM e IgG contro la proteina virale del nucleocapside (il vaccino induce la produzione di anticorpi solo contro la proteina spike).


Controindicazioni al vaccino

Il vaccino è controindicato nei soggetti con reazione allergica immediata (di qualsiasi gravità) dopo la prima dose di vaccino anti-COVID-19 o dopo l'esposizione al polisorbato o a qualche componente dei due vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna.
In caso di anamnesi positiva per reazione allergica dopo un qualsiasi vaccino o un farmaco per via iniettiva si deve avvisare il paziente che i rischi della vaccinazione anti-COVID-19 sono ignoti. In questo caso i CDC non parlano di controindicazione, ma consigliano una valutazione allergologica e una attenta valutazione di rischi e benefici (almeno fino a che non saranno disponibili ulteriori dati). In questa analisi si deve tener conto del rischio del singolo paziente di essere infettato dal coronavirus (professione, ambiente in cui lavora, etc.), se già stato contagiato dal SARS-CoV-2, della sue condizioni generali (età, patologie concomitanti).
Il vaccino non è controindicato (nè i CDC specificano precauzioni particolari) nei soggetti con allergie anche gravi a farmaci per os, cibi, pelo di animali, allergeni, lattice, uova.


Renato Rossi


Bibliografia

Centers for Disease Control and Prevention. Interim Clinical Considerations for Use of mRNA COVID-19 Vaccines Currently Authorized in the United States.

https://www.cdc.gov/vaccines/covid-19/info-by-product/clinical-considerations.html

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.34 Secondi