Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Screening del deficit di vitamina D
Pubblicato da dzamperini in data 06/02/2022 00:00
Medicina Clinica



Un aggiornamento delle linee guida della USPSTF non ha trovato circa l'utilità dello screening in soggetti in buona salute viventi in comunità.



Questa testata si è occupata molte volte della vitamina D e della opportunità di eseguire uno screening per determinare un eventuale deficit.
Un aggiornamento recente arrivato dall'US Preventive Services Task Force [1] che ha rivisto le sue precedenti raccomandazioni con una nuova analisi della letteratura.
Sono stati valutati 46 studi per un totale di oltre 16.000 persone arruolate.
Nessuno studio ha valutato benefici e rischi dello screening.
Ci sono però studi che hanno esaminato l'utilità della supplementazione con vitamina D in soggetti sani viventi in comunità con bassi livelli di vitamina D.
Si è evidenziato che il non riduce la mortalità totale, le conseguenze, l'incidenza di diabete, di trattamento del cancro, di depressione.
Anche l'incidenza di eventi avversi non veniva infleunzata dalla somministrazione di vitamina D.
Le documentazioni circa l'utilità per il trattamento delle funzioni fisiche e per il miglioramento delle funzioni sono state giudicate insufficienti.

In conclusione possimao dire che testimonianze indirette non consigliano lo screening del deficit di vitamina D in persone non istituzionalizzate in condizioni di salute.
Diversi i soggetti con precedenti discreti da fragilità dove calcio e vitamina D sono consilgiati in associazione a difosfonati o altri trattamenti e nei pazienti ricoverati in case di riposo nei quali il defcii di vitamina D è quasi la regola e la supplementazione di solito giustificata.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Leila C et al. Screening per la carenza di vitamina D negli adulti. Rapporto aggiornato sulle prove e revisione sistematica per la task force sui servizi preventivi degli Stati Uniti. JAMA 2012; 325:1443-1463.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.32 Secondi