Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 22 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Long Covid: cosa realmente sappiamo?
Pubblicato da dzamperini in data 20/04/2022 00:00
Medicina Clinica


La recente pubblicazione delle linee guida del Nice ( National Institute for Health and Care Excellence ) su Covid e Long Covid(1) ed una interessante revisione e metanalisi(2) sul Long Covid (8591 pazienti raccolti in 18 studi) ci forniscono preziose indicazioni su questa preoccupante complicanza della malattia.


Il documento del Nice è lungo ed impegnativo nella lettura: con l'aiuto di un recente commento del Lancet(3) ne elencheremo i concetti essenziali.
1)Il Long covid esiste: nel primo anno di pandemia si usava questo termine per riferirsi ai pazienti infettati da coronavirus 19 che continuavano a presentare i sintomi 4 settimane dopo la fase acuta. Oggi si preferisce distinguere una infezione acuta con sintomi protratti che può prolungarsi fino a 12 settimane, ed una sindrome post covid che si potrae ben oltre le 12 settimane spesso ben più di 12 mesi e che comporta anche la insorgenza di sintomi non presenti nella fase acuta.
2)In base ai dati raccolti dal National Health Service inglese, un quinto dei pazienti con malattia acuta presenterebbe sintomi oltre 4 settimane dall’esordio, ed un decimo dei pazienti con malattia acuta presenterebbe sintomi anche dopo 12 settimane, fino ad oltre 1 anno (3).
3)Le nostre conoscenze sulla fisiopatologia del covid sono molto limitate ed in larga parte legate ad indagini nei pazienti deceduti: è stata documentata la persistenza prolungata di RNA virale nel tessuto polmonare di soggetti con malattia grave o persistente, e sono state riscontrate estese trombosi vasali specie a livello polmonare e la formazione di sincizi tra le cellule polmonari.
4)Vi sono quindi prove di una attività di malattia, forse legata a persistenza del virus all'interno dell'organismo a lunga distanza dal contagio in alcuni soggetti, ma le conoscenze in merito alle motivazioni di questa evoluzione ed all’ interessamento di vari organi ed apparati sono ancora molto limitate.

Come anticipato, una recente revisione della letteratura con metanalisi ha selezionato 18 studi di buona qualità nel corso dei quali sono stati seguiti 8591 soggetti affetti da covid che presentavano sintomi a distanza di almeno un anno dalla infezione acuta(2). Considerato che non sono stati ancora identificati i meccanismi fisiopatologici che possano favorire la evoluzione della malattia acuta nel Long Covid e considerato anche che non è chiaro se la persistenza di malattia possa verificarsi solo in soggetti con alcune caratteristiche configurazioni biologiche e/o genetiche, nella ricerca indicata ci si è limitati ad una pura analisi dei dati delle popolazioni studiate.
1 )Un primo importante dato che i ricercatori segnalano è che i pazienti di sesso femminile e quelli con una malattia iniziale più severa avevano maggiori probabilità di sviluppare una malattia persistente ad un anno di distanza.
2 )Il long covid può manifestarsi con sintomi a carico di quasi tutti gli organi ed apparati.
3) I sintomi più frequenti presentati ad un anno dalla infezione acuta sono: debolezza e affaticamento= 28% ;artromialgie= 26%; depressione= 23%; ansia 22%; perdita della memoria= 19%; dispnea= 18%; difficoltà di concentrazione= 18%; insonnia =12%(2).


Problemi aperti
Questi dati sono sicuramente preziosi perché iniziano a delineare aree di ulteriori ricerche, ma ripropongono una serie di problemi irrisolti(3): ne elenchiamo alcuni...
La osservazione clinica ha documentato sintomi di tipo neurologico tanto in fase acuta che nel Long-Covid ( disgeusia, cacosmia ,problemi di memoria, insonnia, astenia, parestesie, vertigini…); è stato quindi ipotizzato un danno neurologico di cui tuttavia si ignora la fisiopatologia ed in particolare se il danno sia correlabile direttamente l'azione del virus o piuttosto alla reazione individuale del soggetto che contrae il virus.
Ancora più oscura è la relazione tra la infezione ed i sintomi neuro-psichici (depressione, ansia, perdita dalla memoria, difficoltà di concentrazione): in questo ambito le incertezze riguardano il confine tra il danno neurologico e la reazione psicologica del paziente alla infezione.
Un ulteriore stimolo allo studio ed all’approfondimento ci proviene da una recentissima ricerca su 153760 persone affette da Covid, valutate ad un anno di distanza dalla infezione(4): la incidenza di problemi cerebrovascolari e cardiovascolari ( in particolare aritmie, cardiopatie ischemiche, pericarditi e miocarditi, insufficienza cardiaca e malattia tromboemobolica) era significativamente superiore a quella dei soggetti che non hanno contratto la malattia: anche per gli autori di questo studio il confine tra complicanze di malattia e modificazioni fisiopatologiche indotte dalla infezione non sono al momento chiare….

In sintesi,allo stato attuale delle conoscenze dobbiamo tristemente ammettere che le certezze ed i problemi irrisolti sono numerosissimi(3), e che in attesa di ricerche approfondite e rigorose non ci resta che ricordare a noi stessi ed ai molti "esperti dei media", gli insegnamenti di un grande filosofo:" Non dire nulla di più di ciò che può dirsi... su ciò di cui non si può parlare si deve tacere!"(5)


Riccardo De Gobbi


Bibliografia


1)National Institute for Health and Care Excellence (NICE): COVID-19 rapid guideline: managing the long-term effects of COVID-19 https://www.nice.org.uk/guidance/ng191
2) Qing Han, Bang Zheng et Al.: Long-Term Sequelae of COVID-19: A Systematic Review and Meta-Analysis of One-Year Follow-Up Studies on Post-COVID Symptoms Pathogens 2022, 11, 269. https://doi.org/10.3390/pathogens11020269
3) PriYa Venkatesan: NICE guideline on long COVID https://doi.org/10.1016/S2213-2600(21)00031-X
https://www.thelancet.com/article/S2213-2600(21)00031-X/fulltext
4) ) Xie, Y., Xu, E., Bowe, B. et al. Long-term cardiovascular outcomes of COVID-19. Nat Med (2022). https://doi.org/10.1038/s41591-022-01689-3
5) Ludwig Wittgenstein: Tractatus Logico-Philosophicus Einaudi E

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi