Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Terapia antitrombotica e chirurgia - parte 1
Pubblicato da dzamperini in data 30/12/2022 00:00
Medicina Clinica



Come comportarsi nel paziente in trattamento antitrombotico che deve essere sottoposto a intervento chirurgico?


L’American College of Chest Physicians ha pubblicato le linee guida sulla gestione della terapia antitrombotica in pazienti che devono sottoporsi a intervento chirurgico. Da notare che la maggior parte delle raccomandazioni è definita condizionata e basata su certezze di qualità bassa o molto bassa.
In questa prima pillola riassumeremo le indicazioni per i pazienti in trattamento con warfarin.


Pazienti che assumono warfarin

1. Si consiglia di sospendere il warfarin almeno 5 giorni prima della procedura e di riprenderlo entro 24 ore dall’intervento alla dose abituale e non a dose doppia. Se 1-2 giorni prima della procedura l’INR è elevato (> 1,5) non si consiglia di assumere vitamina K.

2. Nei pazienti che assumono warfarin perché portatori di protesi valvolare, per fibrillazione atriale o per pregresso tromboembolismo venoso in generale non si consiglia la terapia ponte con eparina che però può essere prescritta in pazienti selezionati considerati ad elevato rischio tromboembolico (per esempio per un evento tromboembolico recente o con elevato CHA2DS2VASc score). In un’utile tabella le linee guida esemplificano i criteri per classificare un paziente a basso, medio o elevato rischio trombotico.

3. Nei pazienti che necessitano di interventi odontoiatrici, una procedura dermatologica od oculistica minori si consiglia di continuare la terapia anticoagulante ed eventualmente di usare un agente emostatico.

4. Nei pazienti che devono essere sottoposti a impianto di pacemaker o di defibrillatore si consiglia di continuare la terapia con warfarin.

5. Nei pazienti che devono essere sottoposti a polipectomia programmata endoscopica si consiglia di sospendere il warfarin senza usare la terapia ponte con eparina.


Renato Rossi

(continua nella seconda parte)

Bibliografia

1. Douketis JD et al. Executive Summary. Perioperative Management of Antithrombotic Therapy: An American
College of Chest Physicians Clinical Practice Guideline. Chest 2022 Aug 11:S0012-3692(22)01364-2.
doi: 10.1016/j.chest.2022.08.004. Epub ahead of print. PMID: 35964703.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi