Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Come usare le statine in prevenzione secondaria?
Pubblicato da dzamperini in data 12/05/2023 00:00
Medicina Clinica



Non fa differenza se si usa la strategia mirata a ottenere un determinato target di LDL o si prescrive una statina ad alto dosaggio.


Nei pazienti con coronaropatia si consiglia di prescrivere una statina ad alto dosaggio in modo da ottenere una riduzione di almeno il 50% del colesterolo LDL oppure di iniziare una statina a dosaggio moderato e di titolare la dose in base al target di LDL desiderato (di solito < 70 mg/dl o 55 mg/dl).

Nello studio LODESTAR, coreano, sono stati reclutati 4400 pazienti con coronaropatia nota randomizzati a ricevere una statina ad alto dosaggio (rosuvastatina 20 mg/die o atorvastatina 40 mg/die) oppure una statina in modo da arrivare a valori di LDL compresi tra 50 e 70 mg/die. 
L’endpoint primario dello studio era composto da decesso, infarto miocardico, ictus o rivascolarizzazione coronarica. Il follow-up è stato di 3 anni.

Tale endpoint si è verificato nell’8,7% del primo gruppo (statina ad alta intensità) e nell’8,1% del secondo gruppo (statina titolata a target di LDL). I valori medi di LDL raggiunti sono stati rispettivamente di 68,4 mg(dl e di 69,1 mg/dl.

Insomma, le due strategie sono equivalenti. 

La prima, quella che prevede una statina ad alte dosi, evita il fastidio e i costi di dover misurare il colesterolo LDL in modo da arrivare al target desiderato ma ignora che la risposta alla terapia è variabile da paziente a paziente.
La strategia alternativa, invece, ha questi svantaggi ma può permettere di usare dosi di statina più basse in alcuni pazienti che rispondono meglio al trattamento: solo il 54% dei pazienti di questo gruppo ha dovuto usare una statina ad alto dosaggio.

In conclusione si può scegliere una o l’altra delle due opzioni, anche considerando la preferenza del paziente.

Renato Rossi

Bibliografia

1. Hong SJ, Lee YJ, Lee SJ, Hong BK, Kang WC, Lee JY, Lee JB, Yang TH, Yoon J, Ahn CM, Kim JS, Kim BK, Ko YG, Choi D, Jang Y, Hong MK; LODESTAR Investigators. Treat-to-Target or High-Intensity Statin in Patients With Coronary Artery Disease: A Randomized Clinical Trial. JAMA. 2023 Mar 6:e232487. doi: 10.1001/jama.2023.2487. Epub ahead of print. PMID: 36877807; PMCID: PMC9989958

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.34 Secondi