Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Lecanemab nell’Alzheimer
Pubblicato da dzamperini in data 19/09/2023 00:00
Medicina Clinica


Uno studio su poco meno di 1800 pazienti ha valutato l’anticorpo antiamiloloide lecanemab nel morbo Alzheimer precoce.


La FDA ha già approvato un anticorpo antiamiloide per il trattamento del morbo di Alzheimer, l’aducanumab ma questa decisione è stata da alcuni criticata [1, 2].

Ora in uno studio di fase 3 è stato valutato un altro anticorpo antiamiloide, il lecanemab. Sono stati reclutati 1975 pazienti affetti ds Alzheimer precoce nei quali gli studi di imaging avevano dimostrato la presenza di placche amiloidi.
I partecipanti sono stati trattati con lecanemab o placebo (una somministrazione por via venosa ogni 15 giorni).
È stata usata una scala a 18 punti che valutava la memoria e altri aspetti cognitivi che risultano compromessi nell’Alzheimer. Più il punteggio è alto e maggiore è la gravità della malattia.

Al baseline il punteggio medio dei partecipanti era di 3,22. Dopo un anno e mezzo il punteggio è aumentato in media di 1,21 punti nei trattati e di 1,66 nel gruppo placebo. Nei trattati sono migliorati anche altri aspetti secondari della funzione cognitiva.
Le placche amiloidi sono rimaste stabili nei pazienti del gruppo placebo e si sono ridotte nel gruppo trattato con lecanemab. Tuttavia il farmaco risultava associato a un aumento del rischio di edema o emorragia cerebrale.

Si ripropone quindi la stessa criticità riscontrata con aducanumab. Questi farmaci migliorano uno score che valuta la funzione cognitiva in modo statisticamente significativo nei pazienti con Alzheimer precoce tuttavia l’importanza clinica di questo miglioramento rimane da stabilire su endpoint forti come la disabilità a lungo termine. Inoltre l’uso di questi farmaci può essere associato a effetti collaterali a livello cerebrale. Giustamente gli autori dello studio avvertono che sono necessari studi con follow-up più prolungato per valutare efficacia e sicurezza di lecanemab nel morbo di Alzheimer precoce.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Wlash et al. Aducanumab for Alzheimer disease? BMJ 2012; 374:n1682

2. Perlmutter S et al. Revisiting FDA approval od aducanumab. N Engl J Med 2021;385:769-771.

3. van Dyck CH, Swanson CJ, Aisen P, Bateman RJ, Chen C, Gee M, Kanekiyo M, Li D, Reyderman L, Cohen S, Froelich L, Katayama S, Sabbagh M, Vellas B, Watson D, Dhadda S, Irizarry M, Kramer LD, Iwatsubo T. Lecanemab in Early Alzheimer's Disease. N Engl J Med. 2023 Jan 5;388(1):9-21. doi: 10.1056/NEJMoa2212948. Epub 2022 Nov 29. PMID: 36449413.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.32 Secondi