Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Lo SMARTPHONE come strumento diagnostico: ora anche lí ittero
Pubblicato da dzamperini in data 24/05/2024 00:00
Medicina Clinica



Lo smartphone può essere un prezioso strumento diagnostico.


Nel 2021 alcuni ricercatori hanno dimostrato che è possibile diagnosticare precocemente una anemia e successivamente monitorarla, semplicemente analizzando le foto delle congiuntive dei pazienti scattate con comuni smartphone. Particolarmente interessante è la possibilità di individuare precocemente e con precisione i valori di emoglobina che richiedono la terapia trasfusionale (1).

Nel 2023 vari studi hanno dimostrato come sia possibile diagnosticare una iper-bilirubinemia e successivamente monitorarla nel tempo. La foto della sclera o anche della sola palpebra inferiore consente con buona precisione di diagnosticare una iper-bilirubinemia: secondo gli autori di uno studio il coefficiente di correlazione tra la intensità della colorazione giallastra ed i livelli di bilirubina varia tra 0.86 e 0.89 con p< 0, 001(2,3).

Due altri studi hanno correlato la intensità del colore sclerale con i valori di bilirubina in pazienti cirotici ottenendo una coefficiente di correlazione di 0,9(!) con p< 0,001(3,4).
Gli studi sono stati effettuati tuttavia su numeri ridotti di pazienti (alcune decine), in larga maggioranza affetti da cirrosi epatica: per una affidabile validazione in ambito diagnostico saranno necessari studi con casistiche più ampie.

E' tuttavia molto confortante la conferma delle potenzialità diagnostiche di questi strumenti così diffusi e di semplice uso a livello territoriale; questo dato non dovrebbe tuttavia indurci ad un eccessivo ottimismo se consideriamo che la utilizzazione di questo tipo di strumenti in gruppi di persone in cui la diagnosi non sia nota e neppure scontata può essere del tutto fuorviante e richiedere quindi preventivamente una appprofondita valutazione anamnestica e clinica.
Inoltre queste metodiche dovrebbero essere considerate a tutti gli effetti strumenti di telemedicina ed essere in tal senso ulteriormente validate e controllate nel tempo.
Ricordiamo infatti che tutti gli strumenti di telemedicina per quanto validi debbono essere utilizzati in un contesto appropriato e controllato ( condizioni ambientali, esecuzione tecnica, stato psico-fisico delle persone sottoposte ad esame, modalità di registrazione trasmissione ed interpretazione a distanza di dati ed immagini).

Concludendo questi studi apportano nuova linfa alla inarrestabile crescita della medicina digitale ed in particolare della telemedicina.
Permangono tuttavia motivi di preoccupazione legati alla mancanza di consapevolezza di gran parte dei soggetti coinvolti (tra i quali anche la classe medica) sulle potenzialità ma anche sui limiti e sul possibile uso inappropriato di tutti gli strumenti digitali, che dovrebbero essere uno strumento al servizio del metodo clinico ma che sempre più spesso lo sovrastano e lo sostituiscono...

Riccardo De Gobbi e Giampaolo Collecchia

Bibliografia
1)Selim Suner et Al.: Prediction of anemia and estimation of hemoglobin concentration using a smartphone
https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0253495
2)Nixon-Hill M. et Al.: Accurate device-independent colorimetric measurements using smartphones. PLoS One. 2020 Mar 26;15(3):e0230561. doi: 10.1371/journal.pone.0230561
3)Nixon-Hill M. Et Al.: Assessment of bilirubin levels in patients with cirrhosis via forehead, sclera and lower eyelid smartphone images. PLOS Digit Health. 2023 Oct 6;2(10):e0000357. doi: 10.1371/journal.pdig.0000357
4)Kazankov K. et Al.: A novel smartphone scleral-image based tool for assessing jaundice in decompensated cirrhosis patients.
J Gastroenterol Hepatol. 2023 Feb;38(2):330-336. doi: 10.1111/jgh.16093

Per approfondimenti:
Giampaolo Collecchia e Riccardo De Gobbi: Intelligenza Artificiale e Medicina Digitale Il Pensiero Scientifico Ed. Roma 2020
http://pensiero.it/catalogo/libri/pubblico/intelligenza-artificiale-e-medicina-digitale

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.46 Secondi