Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Pericoloso sospendere l'ASA in prevenzione secondaria
Pubblicato da dzamperini in data 28/09/2012 00:00
Medicina Clinica I pazienti che assumono Acido Acetilsalicilico per prevenzione secondaria dopo un evento ischemico, dovrebbero essere avvisati di non sospendere il trattamento a meno che non vi siano fondate ragioni per farlo.

In questo studio di tipo caso-controllo [1] i ricercatori hanno seguito una coorte di circa 40.000 pazienti trattati con ASA a causa di un pregresso evento ischemico cardiaco o cerebrale.
Il follow up ha avuto una durata di tre anni.
Si è potuto evidenziare che il rischio di eventi cardiovascolari era maggiore nei soggetti che avevano di recente sospeso il trattamento con ASA rispetto a chi assumeva continuamente l'antiaggregante.
In particolare vi era un aumento del 63% del rischio di infarto miocardico non fatale e del 43% del rischio combinato di eventi cardiovascolari. Non si è registrato però un aumento dei decessi coronarici.
Un editoriale di commento [2] ricorda che i medici dovrebbero raccomandare ai pazienti che assumono ASA per prevenzione secondaria di non sospendere il trattamento a meno che non vi siano fondati motivi come per esempio una grave emorragia oppure siano stati consigliati di farlo da un medico esperto della materia.
 
Fonte:

1.Rodriguez LAG et al. Discontinuation of low dose aspirin and risk of myocardial infarction: case-control study in UK primary care. BMJ 2011; 343:d4094
2.Biondi-Zoccai G, Landoni G. Discontinuation of aspirin for secondary prevention. BMJ 2011; DOI: 10.1136/bmj.d3942.
 
Commento di Renato Rossi
 Va ricordato che non è il primo studio che suggerisce che la discontinuazione dell'ASA in prevenzione secondaria può essere pericolosa. L'aumento del rischio di eventi ischemici è presente anche se l'ASA viene sospeso per pochi giorni [1].
Compito del medico curante è ricordare spesso ai pazienti questo concetto.
Rimane il problema di chi assume ASA per prevenzione secondaria e deve sottoporsi a procedure invasive di tipo diagnostico e/o terapeutico. Un'utile guida per i medici è già stata sintetizzata in una pillola precedente [2].
 
Referenze
1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=1610
2. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=4650
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.31 Secondi