Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 42 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Norovirus possibili colpevoli del colon irritabile
Pubblicato da dzamperini in data 12/07/2013 00:00
Medicina Clinica
Uno studio italiano dimostra che dopo una gastroenterite acuta da norovirus (virus molto diffusi, trasmissibili per diverse vie) aumenta il rischio di comparsa della sintomatologia tipica del colon irritabile che può persistere fino a 12 mesi dopo l'episodio acuto.



La sindrome del colon irritabile è caratterizzata da sintomi come il dolore addominale, la stipsi e/o la diarrea, in assenza di una chiara alterazione intestinale di tipo organico. Pur trattandosi di una patologia molto comune la causa non è ben conosciuta.

Sono state proposte varie teorie fisiopatologiche fra cui la possibile etiologia postinfettiva.
In effetti è noto da studi di tipo epidemiologico che sintomi tipici del colon irritabile possono comparire dopo un episodio di gastroenterterite infettiva batterica. Anche l'infezione intestinale da Giardia Lamblia è stata associata alla comparsa di colon irritabile.

Il meccanismo con cui l'infezione dell' intestino e del colon causa il colon irritabile non è ben conosciuto. Si può ipotizzare che si formino sostanze infiammatorie che a loro volta provocano alterazioni della motilità del colon e modificazioni a livello immunologico locale.

Il ruolo dei virus nello sviluppo del colon irritabile è meno chiaro. Tuttavia un recente studio italiano di coorte suggerisce che anche le gastroenteriti virali potrebbero essere associate ad un aumentato rischio di comparsa della sindrome [1]. Si tratta di uno studio che ha arruolato 348 pazienti che avevano avuto una gastroenterite da norovirus, paragonati con 198 soggetti che fungevano da controlli [1]. I partecipanti sono stati controllati a 3, 6 e 12 mesi.

Si è visto che il rischio di comparsa di una sindrome del colon irritabile di nuova diagnosi risultava molto più elevato fra coloro che aveva avuto l'infezione da norovirus (n = 40) rispetto ai controlli (n = 3).

I norovirus, conosciuti anche come virus di Norwalk, sono virus a RNA isolati circa 40 anni fa.
Essi causano di solito delle piccole epidemie in luoghi ben circoscritti come gli ospedali, le scuole, le navi o gli alberghi.

Si tratta di virus molto infettivi perchè possono trasmettersi direttamente da persona a persona. Tuttavia la trasmissione è possibile anche per via oro-fecale per esempio se gli scarichi fognari contaminano le falde acquifere o le colture di frutti di mare, oppure per contaminazione diretta del cibo da parte di addetti alla prepazione di alimenti.

Il periodo di incubazione è di circa 1-2 giorni. I sintomi sono rappresentati essenzialmente da nausea, vomito, diarrea, dolore addominale e talora febbre non molto elevata. Generalmente l'infezione si risolve spontaneamente in pochi giorni e solo di rado provoca disidratazione che costituisce un pericolo soprattutto per i bambini piccoli e gli anziani.
Non vi è una terapia specifica.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Zanini B et al. Incidence of post-infectious irritable bowel syndrome and functional intestinal disorders following a water-borne viral gastroenteritis outbreak. Am J Gastroenterol 2012 Jun; 107:891.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi