Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 44 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Bitter orange: gli effetti metabolici
Pubblicato da dzamperini in data 13/08/2013 00:00
Medicina Clinica Vengono esaminati i possibili effetti avversi cardiovascolari del bitter orange.
Il bitter orange (Citrus aurantium) è noto con alcuni altri nomi, quale il Zhi shi, una tradizionale erba cinese. I frutti e le bucce della pianta vengono usati spesso a scopo medicinale per le dermatomicosi (per applicazioni topiche) e per una varietà di disturbi gastrointestinali (per via orale).

Più recentemente, il bitter orange è stato aggiunto a molti prodotti da banco per la perdita di peso “privi di efedrina”, perchè contiene alcaloidi quali la sinefrina ed agisce come stimolante. La sinefrina ed altri alcaloidi simili contenuti nel bitter orange stimolano i recettori adrenergici, particolarmente gli adrenorecettori β-1, portando ad aumento dei valori pressori.
Poiché i prodotti da banco per la perdita di peso contengono spesso anche altri stimolanti, quale la caffeina, esiste un potenziale per eventi avversi cardiovascolari, in particolare per eventi ischemici.

Effetti avvversi cardiovascolari: sindrome coronarica acuta/ischemia miocardica (C), aumento della pressione arteriosa (A), aumento della frequenza cardiaca (A).


Interazioni farmacologiche:
Antagonizza gli effetti degli antipertensivi e dei farmaci che abbassano la frequenza cardiaca (E), per gli aumenti pressori (A) e della frequenza cardiaca (A).
 
Poichè alcuni supplementi privi di efedrina contengono Citrus aurantium, il componente attivo del bitter orange, e questa pianta contiene amine adrenergiche quale la sinefrina che stimola i recettori adrenergici β-1, Haller e coll. hanno valutato gli effetti emodinamici di due supplementi contenenti- C. aurantium (Advantra Z e Xenadrine EFX).
Ciascuna capsula di Xenadrine EFX contiene 2.75 mg di sinefrina, 2.96 mg di octopamina e 119.6 mg di caffeina, mentre Advantra Z ha un contenuto cinque volte più elevato di sinefrina (15.6 mg) con soltanto tracce di octopamina e non contiene caffeina. Dieci soggetti sani (di circa 27 anni) sono stati inclusi in questo studio crossover a 3 bracci, randomizzato, in doppio cieco. I soggetti erano stati istruiti ad evitare caffeina, prodotti da banco e rimedi a base di erbe nelle 24 ore precedenti la partecipazione allo studio.
I soggetti venivano ospedalizzati la sera prima di iniziare la terapia, al più tardi intorno alla mezzanotte, e veniva loro somministrata una singola dose di supplemento (2 tavolette di Xenadrine EFX o 3 Tavolette di Advantra Z) o placebo.
Venivano misurati: la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, i sintomi fisici ed emozionali, e le concentrazioni di sinefrina, octopamina e caffeina, ad intervalli predeterminati per 12 ore dopo la somministrazione.


Risultati
La farmacocinetica della sinefrina non differiva tra i due gruppi a supplemento, suggerendo che gli ingredienti aggiuntivi di Xenadrine non influenzavano la farmacocinetica della sinefrina. Xenadrine aveva aumentato la pressione arteriosa  9.6±6.2 / 9.1±7.8 mmHg (p=0.047 per la pressione arteriosa sistolica, p=0.002 per la pressione arteriosa diastolica) e la frequenza cardiaca era aumentata di 16.7±12.4 battiti/minuto (p=0.011) rispetto a placebo.
Invece, Advantra Z non aveva effetto sulla pressione arteriosa mentre aumentava il battito cardiaco di 11.4±10.8 battiti/minuto (p=0.031 vs placebo).


Gli autori concludono che la ingestione di C.aurantium come ingrediente singolo in modeste quantità ha scarso effetto sulla pressione arteriosa, mentre produce un transitorio incremento del battito cardiaco, suggerendo una stimolazione dei recettori adrenergici β-1. Invece, quando assunto come parte di supplementi a multi ingredienti (Xenadrine EFX), veniva ad aumentare sia la pressione arteriosa sia la frequenza cardiaca, suggerendo un effetto additivo della combinazione di ingredienti attivi.
Basandosi su questi risultati successivi alla somministrazione di una singola dose in volontari sani, gli autori avvertono contro l’uso di supplementi privi di efedrina in pazienti con ipertensione, malattie cardiache ed altre condizioni che possono essere esacerbate dalla stimolazione simpatica.
Fonte:
Hemodynamic effects of ephedra-free weight-loss supplements in humans.
Haller CA, Benowitz NL, Jacob III P. Am J Med. 2005; Sep;118(9):998–1003.
 
Bui e coll. hanno condotto un’analisi simile di una dose singola di bitter orange in volontari sani. I soggetti sono stati randomizzati ad assumere 2 capsule di Nature’s Way Bitter Orange o placebo e successivamente incrociati ad assumere l’altro trattamento, una settimana dopo, secondo un disegno cross over.
I soggetti erano digiuni da almeno 10 ore prima di ogni studio ed erano stati istruiti a non introdurre nessun prodotto contenente agrumi per i tre giorni precedenti ciascuno studio e nessun prodotto da banco contenente simpatico mimetici o caffeina, né supplementi dietetici per tutta la durata dello studio , compreso il periodo di wash out.
Il giorno di ciascuno studio, sono state misurate la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca all’inizio ed ogni ora dopo l’ingestione del farmaco per sei ore.
Sono stati arruolati 15 soggetti (10 maschi), 13 dei quali hanno completato lo studio.
La pressione sistolica aumentava in maniera significativa in ogni periodo di tempo successivo alla somministrazione di bitter orange, rispetto a placebo, con un incremento massimo di 7.3±4.6 mm Hg osservato 3 ore dopo la dose.
La pressione arteriosa diastolica si riduceva in entrambi i gruppi per tutto il periodo, ma era più elevata dopo ingestione di bitter orange. In maniera simile, la frequenza cardiaca era significativamente più elevata per tutto il periodo con picchi alla quarta ora (4.2±4.5 battiti/minuto).

Gli autori suggeriscono cautela quando si prende in considerazione l’uso di bitter orange in anziani, obesi, pazienti con stati di comorbilità e in coloro che assumono altre terapie farmacologiche.
 
Fonte:
Blood pressure and heart rate effects following a single dose of bitter orange.
Bui LT, Nguyen DT, Ambrose PJ. Ann Pharmacother. 2006 Jan;40(1):53–7.
A cura di Patrizia Iaccarino
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.55 Secondi